4 dicembre 2009  

CONSIDERAZIONI INATTUALI N. 15

Proviamo un po' a ridere  

per non piangere sempre di rabbia

   

TRIBUNALI USA

 

Gli scambi che seguono sono tratti dal saggio "Disordine nei tribunali americani": si tratta di frasi, battute, repliche trascritte parola per parola dagli stenografi dei tribunali stessi che debbono aver compiuto sforzi prodigiosi per non sganasciarsi dalle risate.

AVVOCATO: Cosa le ha detto suo marito appena si è svegliato?  

LA TESTIMONE: Ha detto: "Dove mi trovo, Kathy?  

AVVOCATO: E' perché lei si è arrabbiata?  

LA TESTIMONE: Il mio nome è Susan.   

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

AVVOCATO: Lei soffre di Myasthemia gravis: ha un minimo effetto sulla sua memoria?  

TESTIMONE:  Sì.  

AVVOCATO: In quale modo ha effetti sulla sua memoria?  

TESTIMONE: Dimentico.  

AVVOCATO: Dimentica? Può fornirci un esempio di qualcosa che ha dimenticato?

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------    

AVVOCATO: Bene, dottore: è vero che quando uno muore nel sonno non se ne rende conto fino al mattino dopo?

TESTIMONE: Ma lei dove ha preso la laurea in legge?

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------  

AVVOCATO: Era presente quando è stato fotografato?

TESTIMONE: Mi sta prendendo per i fondelli? 

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------  

AVVOCATO: Il suo figlio più giovane, il ventenne, quanti anni ha?

TESTIMONE: Venti, come il suo QI. 

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------  

AVVOCATO: Lei ha avuto tre bambini, giusto?

TESTIMONE: Sì.

AVVOCATO: Quanti erano maschietti?  

TESTIMONE: Nessuno.  

AVVOCATO: Quante erano le bambine?  

TESTIMONE (rivolta al magistrato): Vostro onore, ho bisogno di un avvocato diverso; posso avere un altro avvocato? 

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------  

AVVOCATO: Cosa ha posto fine al primo matrimonio?  

TESTIMONE: Il decesso.  

AVVOCATO: Il decesso di chi?  

TESTIMONE: Indovini un po'? 

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------  

AVVOCATO: Può darci una descrizione dell'individuo?  

TESTIMONE: Di media statura e con la barba.  

AVVOCATO: Era un uomo o una donna?  

TESTIMONE: Se non era arrivato in città il circo, direi uomo. 

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------  

AVVOCATO: Dottore, quante autopsie ha effettuato su persone decedute?  

TESTIMONE: Tutte. Quelle viventi oppongono troppa resistenza. 

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------  

AVVOCATO: Ricorda l'ora in cui ha esaminato il corpo?  

TESTIMONE: L'autopsia ha avuto inizio verso le 8.30.  

AVVOCATO: E il signor Denton era morto a quell'ora?  

TESTIMONE: Se non lo era, quando ho finito lo era diventato. 

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------  

AVVOCATO: Dottore, prima di eseguire l'autopsia ha controllato il battito del polso?  

TESTIMONE: No.  

AVVOCATO: Ha controllato la pressione del sangue?  

TESTIMONE: No.  

AVVOCATO: La respirazione?  

TESTIMONE: No.  

AVVOCATO: E allora. è possibile che il paziente fosse ancora in vita quando ha iniziato l'autopsia?  

TESTIMONE: No.  

AVVOCATO: Come può esserne sicuro, dottore?  

TESTIMONE: Perché il suo cervello era sul mio tavolo in un contenitore di vetro.  

AVVOCATO: Vedo. Ma nonostante tutto questo il paziente avrebbe potuto essere in vita?  

TESTIMONE: Sì. E' possibile che fosse ancora in vita e praticasse la professione di avvocato.

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------  

"AL DIAVOLO LE TORPEDINI.  

AVANTI A TUTTA FORZA."  

(Ammiraglio USA David G. Farragut durante la battagli di Mobile Bay: 5 agosto 1864.)  

Quella che segue è la trascrizione di una conversazione via radio tra una nave da guerra degli Stati Uniti e funzionari britannici nei pressi della costa scozzese. Il testo è stato recentemente reso pubblico dal Ministero della Difesa Inglese.   

Funzionario britannico: Prego deviare di quindici gradi Sud la rotta per evitare collisione.  

Nave USA: Raccomandiamo a voi di deviare di quindici gradi Nord la rotta per evitare collisione.  

Funzionario britannico: Negativo. Siete voi a dover deviare la rotta per evitare collisione.  

Nave USA: Vi parlo dalla portaerei "USS Lincoln", la seconda più grande unità navale della flotta atlantica degli Stati Uniti. Siamo scortati da tre incrociatori, tre cacciatorpediniere e da numerose navi appoggio. Esigiamo che voi cambiate rotta di quindici gradi Nord, ribadiamo 15 gradi Nord,l altrimenti prenderemo contromisure per garantire la sicurezza della nostra unità.  

Funzionario britannico: Questo è un faro di terra ferma. Andate a farvi f.